Acri
 

Collezioni D'Arte Delle Fondazioni

Fondazione Monte di Parma

La Fondazione Monte di Parma è la continuazione ideale della Banca del Monte di Parma, Monte di Credito su Pegno, già Monte di Pietà fondato nel 1488 da Bernardino da Feltre, da cui è stata scorporata l'attività bancaria nel 1991, in attuazione della Legge Amato. La Fondazione persegue scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, prevalentemente nella provincia di Parma. Opera in diversi settori: arte, attività e beni culturali, salute pubblica, famiglia, ricerca scientifica e tecnologica e volontariato. Il suo impegno più rilevante si concentra nel supporto agli appuntamenti culturali del territorio. Alla Fondazione fanno capo il Museo Glauco Lombardi, dedicato a M. Luigia d'Asburgo e Napoleone, e il Museo intitolato al pittore Amedeo Bocchi. Nel 2002 ha dato vita, insieme all'Università di Parma, all'impresa strumentale MUP - Monte Università Parma Editore srl. La casa editrice è nata per divulgare la cultura e oggi ha un catalogo di oltre 200 titoli.

 

Piazzale J. Sanvitale, 1
43100 PARMA
tel.: 0521.234166
fax: 0521.386452
mail:  info@fondazionemonteparma.it
web: www.fondazionemonteparma.it 

 

 Collezione

 

Denominazione
Museo Amedeo Bocchi

 

Descrizione
Nei restaurati spazi dell’antico e prestigioso Palazzo Sanvitale, ha sede il Museo dedicato ad Amedeo Bocchi, artista parmigiano di nascita e romano d’adozione (Parma 1883-Roma 1976), che ha impresso all’arte del secolo appena trascorso il segno di una poesia sognante e malinconica che sa declinarsi in colori dalle forti capacità evocative. Nato dal desiderio di promuovere la conoscenza del pittore, il Museo espone alcuni tra i dipinti più belli della sua produzione.
Il nucleo della raccolta è stato donato dalle eredi alla Fondazione Monte di Parma che ha provveduto poi ad accrescerla tramite ulteriori significative acquisizioni. Inaugurato il 25 settembre del 1999, il Museo è stato recentemente riallestito per dedicare maggiore spazio alle opere del pittore e creare un percorso in cui il visitatore, isolato dai suoni della nostra contemporaneità, possa riscoprire l’intima poesia del mondo creato da Bocchi. L’allestimento a pannelli mobili inseriti entro strutture metalliche ha permesso di salvaguardare gli importanti affreschi e gli antichi intonaci che ornano l’ala più antica del palazzo, offrendo una struttura di servizio a supporto delle luci e del sistema espositivo e uno sfondo che valorizza la singola opera d’arte e garantisce la fruizione didattica del Museo. Seguendo l’esposizione cronologica il visitatore rivive il percorso umano del pittore, scandito dagli affetti di cui è troppo presto privato, e quello pittorico, segnato dalla inesausta ricerca luministica ed estetica, fulcro del suo operare artistico. Dipinti ad olio, acquerelli, pastelli, prove di affresco, disegni, bozzetti e sculture si svelano a poco a poco palesando la parabola artistica di Bocchi, in cui è possibile leggere in trasparenza i riferimenti culturali del secolo appena concluso. Ritratti, nudi, paesaggi, temi religiosi, progetti decorativi per interi ambienti, si susseguono nelle sale consentendo di ripercorrere il suo iter progettuale e creativo e restituendo il sottile variare del suo stile nel tempo.

 

Informazioni
Sede Espositiva: Palazzo Sanvitale
Referente: Carla Dini
Telefono: 0521.228289
Orari di apertura: da martedì a domenica dalle 10.30 alle 13.00. Chiuso il lunedì.