Acri
 

Collezioni D'Arte Delle Fondazioni

Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlė

La missione che la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì si è data - in ciò ispirandosi alle originarie finalità della Cassa dei Risparmi - è quella di sostenere le iniziative volte alla promozione del tessuto sociale, culturale ed economico del comprensorio forlivese. A tale scopo, la Fondazione indirizza la propria attività in opere e iniziative di pubblica utilità nei settori rilevanti dell'arte, attività e beni culturali; della ricerca scientifica e tecnologica; della salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; dello sviluppo locale ed edilizia popolare locale; del volontariato, filantropia e beneficenza. La Fondazione opera prevalentemente attraverso l'assegnazione di contributi a progetti e iniziative di terzi, ma promuove anche progetti propri e in collaborazione con altre istituzioni.

 

Corso Garibaldi, 45
47121 Forlì (FC)
tel.: 0543.19.12.000
fax: 0543.19.12.049
mail:  segreteria@fondazionecariforli.it
web: www.fondazionecariforli.it 

 

 Collezione

 

Denominazione
Collezione d'arte della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì

 

Descrizione
La Collezione d’Arte della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì trae origine dalla costante attività dell’Ente Cassa nell’avviare ed ampliare nel tempo, con particolare sensibilità, la raccolta di significative opere di artisti, soprattutto locali. Il criterio che ha sotteso la formazione di tale collezione ha privilegiato, naturalmente, soprattutto gli artisti che hanno dato lustro nel tempo alla città di Forlì e ne hanno accresciuto il livello e l'interesse culturale. Si tratta dunque di opere appartenenti ad artisti che hanno gravitato e lavorato a Forlì e che appartengono alla città romagnola non soltanto per nascita, ma anche perché li si sono formati o stabiliti. Esempi mirabili sono le opere di Marco Palmezzano, di Francesco Menzocchi, di Carlo e Felice Cignani, del Maestro dei Baldraccani. Oltre ad esse, arricchiscono il patrimonio della Fondazione opere di Innocenzo da Imola, di Leandro Bassano, di Gerolamo Marchesi, del Bagnacavallo, di Felice Carena, di Ludovico Tommasi, di Felice Giani e di Guido Cagnacci, solo per citarne alcuni. Nel 1992, quando l'Ente Cassa si divise in S.p.A. e Fondazione, il patrimonio artistico venne conferito alla società bancaria. E' fatto recente, dell'anno 2001, l'operazione di riacquisto da parte della Fondazione dalla S.p.A., prevista dalla nuova normativa sulle fondazioni di origine bancaria, della parte storica-artistica più importante dei dipinti a suo tempo conferiti.

 

Informazioni
Sede espositiva: Palazzo di Residenza (Palazzo del Monte di Pietà);
Referente: Paolo Rambelli
Telefono: 0543.19.12.025
Mailmostre@fondazionecariforli.it